La cogenerazione consente la produzione contemporanea di energia elettrica ed energia termica all’interno di un unico sistema partendo da una sola fonte di combustibile, sia esso di natura fossile o rinnovabile. La produzione di energia elettrica e termica con processi separati generalmente non permette l’utilizzo del calore prodotto dal processo di combustione, che viene pertanto dissipato in ambiente. La cogenerazione prevede invece il recupero e l’utilizzo del calore prodotto dal processo di combustione, garantendo un utilizzo più efficiente della fonte combustibile primaria. Un valido esempio di applicazione della cogenerazione è la produzione di energia elettrica con un gruppo elettrogeno costituito da un motore endotermico accoppiato ad un alternatore. Il calore generato dal processo di combustione del motore endotermico è convogliato ed utilizzato in un generatore di calore per la produzione di energia termica sotto forma di vettori quali:
> acqua calda o vapore per vari impieghi sia civili che industriali;
> acqua refrigerata a valle di una successiva generazione tramite gruppi frigorifer.
L’impiego del calore generato permette di definire l’insieme “impianto di cogenerazione”, nel caso della sola produzione di calore, e “impianto di trigenerazione” nel caso di produzione di calore e freddo, e permette in linea generale di ottenere un innalzamento del rendimento complessivo del sistema.